Guadagnare Online con lo Spread Trading!

Oggi vorrei parlare di un modo, poco conosciuto, di guadagnare online nel mondo del trading. Basato sul differenziale di Spread, che si ottiene, attraverso due strumenti finanziari correlati.

Il vantaggio di questo tipo di operatività, consiste, rispetto agli altri metodi di trading, di ridurre TANTISSIMO, il rischio di perdita nel Trading Online. Poiché si entra a mercato con due operazioni contrapposte, una a copertura dell’altra.

E’ questo consente di guadagnare online, riducendo il rischio al massimo.

Questa operatività, si può applicare in diversi mercati:

  1. Nelle Valute (Forex);
  2. Nei Futures delle Materie Prime;
  3. Sui Futures utilizzando due scadenze diverse, oppure su due Futures correlati tra loro;
  4. Nelle Azioni;
  5. Nelle Opzioni.

GUADAGNARE ONLINE NEL FOREX CON OPERAZIONI IN SPREAD TRADING

guadagnare online

 

Utilizzare, questo modo di guadagnare online, mediante il Forex, significa effettuare due operazioni contrapposte.

Size di ingresso identico (quantità di denaro investito), analizzando, l’andamento del mercato, al fine di individuare la valuta più forte.

Andando in acquisto su questa e quindi Long, per poi, di conseguenza, andare in vendita sulla valuta più debole (e quindi short).

PERCHÉ QUESTO?

Perché, una valuta forte, nelle fasi di crescita, salirà molto velocemente e, scenderà lentamente.

Una valuta debole, invece, nelle fasi di crescita, salirà lentamente, mentre invece, scenderà molto velocemente.

Scegliendo di entrare Long su una valuta forte, e Short su una valuta debole, ti permetterà di trovarti sempre dalla parte giusta del mercato.

A prescindere da quale direzione prenderà, portandoti la maggior parte delle volte, a guadagnarci oppure a ridurre al minimo le perdite!

ESEMPIO PRATICO

Scegliamo due valute correlate:

  • EUR/USD (Euro contro Dollaro);
  • GBP/USD (Sterlina contro Dollaro).

Vogliamo capire quale delle due è più forte, e quindi, andiamo a visionare il grafico del cross:

EUR/GBP (Euro contro Sterlina).

grafico eurgpb

 

Vediamo che il grafico a 4h, presenta un Trend Crescente dal punto 0, questo significa che EUR è più forte di GBP.

PERCHÉ EUR E’ PIÙ FORTE DI GBP?

Perché, la salita del cross (EUR/GBP), in questo caso specifico, indica che stanno comprando EUR e, contemporaneamente, stanno vendendo GBP.

L’acquisto in EUR ne determina la sua forza mentre, la vendita di GBP, ne determina la sua debolezza.

Naturalmente, qualora EUR/GBP, fosse stato in un Trend decrescente, sarebbe stato vero il contrario.

Ritornando alle due valute correlate, quindi, cercheremo segnali Long per entrare su EUR/USD, e segnali Short per entrare su GBP/USD.

Non saranno entrate a casaccio, intendiamoci, ma si entrerà solo se si verificheranno gli opportuni segnali di entrata al momento giusto, ossia si cercheranno segnali long per EUR/USD e segnali short su GBP/USD.

POSSIBILI SCENARI

Scenario 1 su un ipotetico trend Long su grafico orario (nella figura un intero giorno di contrattazioni).

spread gpbeur

 

Entrata al punto 0, evidenziato dalla freccia verde, successivo trend a rialzo su EUR/USD e il prezzo sale fino a 5,43% di profitto.

Entrata al punto 0, evidenziato dalla freccia verde, successivo trend al rialzo su GBP/USD e il prezzo perde 1,08%.

EUR/USD guadagna 5,43% perché l’entrata era Long

GBP/USD perde 1,08% pips perché l’entrata era Short

Profitto: 5,43% – 1,08% = 4,35%

In questo caso, il guadagnare online, deriva dal lato forte di mercato (long).

Questi sono esempi però, quello che volevo farti notare, è, che su due valute correlate, la salita della valuta forte è sicuramente più ampia di quella debole.

Per questo abbiamo scelto l’entrata Long e noi guadagneremo dal differenziale di Spread.

SCENARIO OPPOSTO SU TREND SHORT MENSILE (5 ANNI DI CONTRATTAZIONE)

SHORT GPBEUR

 

Supponendo che lo stesso scenario mensile/annuale, evidenzi la stessa tendenza su EUR/GBP, vista nel grafico sopraesposto a 4h.

Vediamo che in questo caso è la Valuta GBP/USD a scendere più velocemente di EUR/USD, vista la debolezza di quest’ultima nei confronti del dollaro.

Quindi, dal punto 0, evidenziato nel 2007, in questo caso, EUR/USD tende a restare, pressoché sullo stesso prezzo di entrata a 40,73%.

Ma è la valuta GBP/USD, che con la sua debolezza nei confronti del dollaro a far precipitare il titolo fino a 18,46%.

EUR/USD resta invariato a 40,73% e l’entrata era Long.

GBP/USD crolla fino a 18,46% e l’entrata era Short.

Profitto: 40,73 – 18,46% = 22,27%

Anche in questo caso abbiamo guadagnato sul differenziale di Spread, ma questa volta. il guadagnare online, è determinato dall’ampia escursione negativa, della Valuta debole che ci ha fatto guadagnare.

Capisci l’importanza di scegliere la valuta forte?

ATTENZIONE! Le due entrate dovranno essere fatte per lo stesso Size di ingresso e saranno una a copertura dell’altra

COME CALCOLARE IL SIZE CORRETTO

SIZE CORRETTO

 

Per calcolare il size corretto, si deve analizzare, il valore del cross e rapportarlo alle due valute correlate  (come in figura).

Questo si DEVE, fare per evitare uno sbilanciamento in quantità di ingresso.

Secondo come avviene questo rapporto, per ogni lotto di ingresso di EUR/USD (1). Si dovrà inserire il corrispettivo della valuta del momento (nella figura 0,8158).

Ovviamente, il guadagno, non è così schematico e matematico.

Nel trading le variabili sono molteplici tipo il volume di acquisti, l’orario delle valute di riferimento, etc. Questo non comporta, necessariamente lo stesso risultato.

Il divario potrà essere più ampio, in tal caso il differenziale sarà maggiore e quindi il tuo guadagno anche.

Oppure, il divario potrà essere minimo o nullo, quindi, minimo o nullo, anche il tuo guadagno.

Ci potranno essere, anche, casi di perdita, ma se si rispetta il proprio piano di trading, questa sarà contenuta.

Ciò che conta è andare in profitto la maggior parte delle volte, affinché le perdite, non vadano a rodere il proprio capitale.

GUADAGNARE ONLINE MEDIANTE SPREAD TRADING SU MATERIE PRIME

Guadagnare online spread materie prime

 

Ora trattiamo, come guadagnare online con lo Spread Trading sulle materie prime. Nello specifico, utilizzando i Futures come strumenti finanziari.

Il principio, è molto simile, nell’operatività, alle valute, ma sono le analisi che cambiano e anche i periodi di contrattazione.

ESEMPIO

Poniamo il caso, volessimo tradare uno Spread tra il Futures del grano e il Futures della farina di soia.

È ovvio, per motivi logici, che tali sottostanti, hanno liquidità e quindi contrattazioni, durante il periodo dell’anno in cui avviene la raccolta del grano e, anche, della produzione di farina di soia.

Perché secondo te?

Ogni anno possono avvenire dei cambiamenti climatici e demografici che possono fare aumentare o diminuire il valore del bene a cui il sottostante si riferisce.

Se, quest’anno, un lotto di grano, viene valutato un tot, ma poi, tra la semina e la raccolta del grano stesso, succede un terremoto, sul territorio.

Oppure avviene una gelata che rovina il raccolto di migliaia di ettari, sicuramente ci sarà un quantitativo minore di grano circolante, facendo diminuire l’offerta.

Ed è quindi ovvio, in questo caso, che la domanda non può fare altro che salire, facendo aumentare il valore del bene!

Viceversa, abbiamo un aumento di agricoltura, coltivazioni senza problemi e, maggior quantitativo di beni circolanti, di conseguenza, aumento di beni circolanti (aumento di offerta) e, riduzione di domanda.

Il prezzo scende!

Ma è chiaro, che quindi, queste contrattazioni, si possono fare, solo, una volta che, la borsa di riferimento, che gestisce le materie prime, raccoglie le stime dei raccolti a livello mondiale.

Le borse di riferimento delle Materie Prime sono: la borsa di New York (NYME) e la borsa di Chicago (CME e CBOT).

Poiché il periodo del grano è da Maggio a Luglio, anche i volumi di contrattazione, si concentreranno in quel periodo, così pure per la farina di soia.

COME OPERARE

Abbiamo visto e capito, che operare in Spread Trading, significa operare su due sottostanti correlati, andando Long (acquisto), sul sottostante più forte e Short (vendita), sul sottostante più debole.

Ma, in questo caso, non avendo il cross di riferimento, non puoi fare la stessa analisi che faresti sulle valute.

In questo caso specifico, l’unico modo che hai, è lo studio dei grafici, degli anni passati e confrontare i periodi di picco, durante il periodo di riferimento dei sottostanti interessati.

Facendo una statistica, basata sugli anni passati (10 anni saranno più che sufficienti), non ti sarà difficile individuare 4 dati importanti:

  1. Quando i volumi sono in aumento (inizio contrattazioni);
  2. I picchi di rialzo e ribasso di entrambi i sottostanti (individuazione del sottostante forte);
  3. Quando si verificano in modo da cercare i segnali di ingresso negli stessi periodi correnti;
  4. Per quanto tempo, dura l’ampiezza del volume di contrattazione (per poter stabilire statisticamente la durata dello Spread stesso).

Un altro dato importante è il periodo di durata del contratto Futures!

SPREAD TRADING STESSI FUTURES SCADENZE DIVERSE

Si perché esistono diversi tipi di Futures, e a seconda del tipo variano in scadenza.

Abbiamo quindi, diversi tipi di Futures per scadenze:

  • Trimestrali;
  • Semestrali;
  • Annuali;

È, in alcuni casi, lo stesso Futures, lo si può trovare in diverse tipologie di scadenza.

Primo fattore, da considerare, prima ancora delle analisi sopraspiegate, quando si tratta di Futures, è proprio la scadenza del contratto.

Che non coincida con il periodo in oggetto e, visto che stiamo parlando di operazioni in Spread a lungo termine, non possiamo non considerare la scadenza dei contratti in esame.

Al limite, se per quel tipo di contratto, esiste un contratto con una scadenza più lunga, utilizzare quel tipo di contratto, piuttosto che il primo in esame (verifica solo che ci sia un minimo di liquidità sufficiente, per operare in maniera decente).

Quindi, nella nostra strategia operativa, si deve considerare:

  1. Il periodo del trade e a quale scadenza si riferisce;
  2. Non far durare il trade, oltre la scadenza del contratto stesso, pena di subire pesanti sanzioni da parte del broker.

Sul risultato del trade, valgono le stesse cose spiegate in ambito di valute. Ossia bisogna fare in modo di chiudere la maggior parte delle operazioni in profitto, avendo un piano che consenta di prevedere delle perdite accettabili.

In questo video corso, vedrai come Assistenza Broker Srl, spiega lo Spread Trading sulle commodoties (Materie Prime):

GUADAGNARE ONLINE SUI FUTURES MEDIANTE OPERAZIONI IN SPREAD TRADING

Innanzitutto, questo modo di operare sui Futures, può essere fatto in due modi:

  1. Attraverso 2 Futures correlati;
  2. Attraverso lo stesso Futures, ma su due scadenze diverse.

GUADAGNARE ONLINE OPERANDO SU 2 FUTURES CORRELATI

Il problema principale, in questo caso, è l’individuazione, di quale dei due, risulti il Futures più forte dell’altro.

Funziona prevalentemente con operazioni intraday. Richiede margini maggiori, di tutti gli altri casi, poiché per eguagliare i vari size di ingresso, spesso, ci vogliono più contratti.

Inoltre, basandosi, spesso, su un operazione al giorno, probabilmente, si dovrà stare parecchio con operazioni aperte in perdita. Prima che, le stesse vadano in profitto prima della chiusura dei mercati di riferimento.

Infatti, la strategia operativa, in questi casi, prevede di entrare subito dopo l’apertura dei mercati, per poi chiudere, poco prima della chiusura degli stessi o quando lo si ritenga opportuno, in relazione al nostro piano di trading.

L’analisi si basa sul confronto dei sottostanti interessati, nei giorni precedenti, effettuando, tali analisi, a borse chiuse la sera prima dell’apertura dei mercati.

Si analizzerà quindi la forza dei trend, sulle chiusure giornaliere, in proporzione per verificare la differenza di forza, con un’analisi di 10 gg precedenti e verificare quale tendenza di Forza hanno i due sottostanti interessati.

In questo modo vediamo qual’è il sottostante più forte, da scegliere per il Long.

Poi le regole sono che si entra a mercato, solo se si verificano dei segnali di ingresso.

Personalmente, non prediligo questo tipo di operatività poiché non mi piace muovere grandi capitali e restare a mercato, buona parte del tempo, con le operazioni in perdita (anche se non è sempre detto).

OPERARE SULLO STESSO FUTURES MA CON 2 SCADENZE DIVERSE

Questo, sicuramente lo preferisco, rispetto al precedente per i seguenti motivi:

  1. Servono margini ridotti per poterci operare, visto che si possono fare operazioni, anche con un contratto;
  2. Si capisce fin da subito (come è logico in questi casi), quale dei due contratti è più debole.

L’unico neo, di quest’ultimo tipo di Spread Trading è che l’operatività. Si limita tantissimo verso gli ultimi giorni di contrattazione e i primi giorni del nuovo contratto.

..se non addirittura, per le operazioni migliori, gli ultimi due giorni

Questo avviene, perché, quando un contratto è in scadenza si “svuota”, dei volumi di contrattazione in quanto vengono liquidate le operazioni in essere.

Molti, iniziano già a spostarsi sul nuovo contratto, andando a prendere posizione e quindi a “riempire”, quest’ultimo.

Ed ecco che il nuovo contratto, acquisterà forza, facendone perdere al vecchio.

Quindi su un operazione di Spread Trading, si cercheranno entrate Long, sul nuovo contratto, mentre invece, entrate Short, sul vecchio.

Ed ecco che noi, andremo a guadagnare sul differenziale dei due.

In ultima analisi, personalmente, preferisco, le operazioni a lungo termine di Spread Trading. Sulle materie prime poiché subiscono meno le manipolazioni di mercato e, rispettano meglio le analisi fondamentali.

Per chi volesse approfondire il tema dello Spread Trading, in italia esiste un sito autorevole che è TRADING EDUCATORS.

Mediante il quale, si potranno tenere dei corsi sullo Spread Trading e anche tutto il materiale didattico.

Alla prossima 😉

SE VUOI VALUTARE CIO’ CHE FACCIO CLICCA SUL BOTTONE BLU E VIENI SU MESSENGER!

Seguimi su FACEBOOK e resta Aggiornato!

Oppure YouTUBE

Inserisci il tuo Commento tramite Facebook

Leave A Response